STRUTTURE RICETTIVE: TRE DRITTE PER UN’ACCOGLIENZA INDIMENTICABILE

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on skype

Quello di fine estate è un turismo diverso, non trovi anche tu? Ricerca più riservatezza e tranquillità, approfitta delle tariffe più vantaggiose e delle temperature ancora estive e spesso è più esigente. D’altro canto, superate le settimane più intense, anche l’albergatore e tutte le figure professionali che ruotano attorno al comparto sono meno sotto pressione e riescono a coccolare ancora di più il cliente, sin dal suo arrivo. Ma cosa rende speciale il momento dell’accoglienza in albergo o in B&B? Eccoti tre dritte!

La prima impressione è quella che conta!

La prima impressione, soprattutto visiva, è nella maggior parte dei casi quella determinante e, se negativa, la più difficile da far cambiare. Cosa fare quindi? Beh, giocare d’anticipo e prevenire ogni eventuale cattiva impressione! Tutta la struttura dev’essere ben pulita e profumata – e non barare: non basta una spolverata qua e là, va lustrato ogni angolo e con frequenza.

Non dimenticare di curare anche l’ingresso esterno, non solo la hall: abbonda di fiori, spazza di frequente a terra, abbellisci i muri, se puoi, con qualcosa di attinente al tema d’arredo che il cliente si ritroverà all’interno.

Va da sé che questa stessa attenzione alla cura degli ambienti dev’essere mantenuta in ogni sala della struttura. Stupisci il tuo ospite con piccoli dettagli: sarà felice di scoprirli via via e di notare quanta cura ci sia dietro! Fiori freschi, cioccolatini di benvenuto, ma anche piccole accortezze che potrebbero rivelarsi utili, come una luce da lettura sul comodino, panche o ripiani dove appoggiare la valigia o altri oggetti, attaccapanni – chissà perché in albergo non bastano mai; una penna e un taccuino, magari personalizzato con i tuoi recapiti così sarà utile per lui e darà visibilità a te. 

Stanza da pensare con molta attenzione è poi il bagno: anche in questo caso i ripiani per appoggiare il necessaire e i vari prodotti non bastano mai. Prevedi più di una presa elettrica e lascia abbastanza fornitura di carta igienica e set cortesia – lo sappiamo, hanno un costo, ma il riscontro sul cliente ne vale la pena.

Cortesi e disponibili, e conquisterete tutti

Sistemato l’aspetto esteriore, passiamo a quello relazionale: sicuramente già lo sai, ma ripeterlo non fa mai male: la regola numero uno è il sorriso, la numero due? La disponibilità! Il turista ha voglia di sentirsi coccolato, protetto e speciale e tu e tutto il personale della struttura avete il compito di soddisfarlo. Non è cosa da poco, lo sappiamo, e molto spesso la gente ha richieste davvero inopportune, ma stringi i denti dietro un enorme sorriso e vedrai che riuscirai a conquistare anche i più esigenti!

Siate cortesi e poco invadenti, insomma un’ombra attenta e pronta a materializzarsi quando è richiesto. Questo vale per tutti i tuoi collaboratori: il nostro consiglio è quindi di fare degli incontri periodici per informarli delle regole comportamentali da seguire in ogni situazione e per ascoltare cosa hanno da dire, molto spesso loro sono l’orecchio e l’occhio diretto sui clienti, quindi, riescono a individuare le mancanze e i punti critici su cui lavorare o, al contrario, gli elementi già apprezzati da enfatizzare ancora di più.

“Scusi, mi sa dire…?”

E a proposito di relazione con i clienti e di personale, un aspetto molto importante e molto apprezzato dai turisti è la prontezza nel dare consigli o informazioni, quando richieste. Gli orari del bus, dov’è la fermata del tram più vicina, il migliore ristorante della città – oltre al tuo, ovviamente, se è previsto in struttura 😀. L’infopoint turistico, la strada più veloce per raggiungere quella meta, la passeggiata più suggestiva, i monumenti da non perdere: i tuoi collaboratori devono diventare piccole guide turistiche, tutti, nessuno escluso!

Come hai visto a volte basta davvero poco per fare la differenza e soprattutto diventa essenziale mettersi nei panni del turista, quindi chiediti: a me cosa piacerebbe trovare quando vado in albergo? E troverei la strada per un’accoglienza perfetta!