VONGOLE E MAZZANCOLLE, IL MARE D’AUTUNNO

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on skype

Il periodo migliore per proporre ai tuoi ospiti un piatto di fettuccine vongole e mazzancolle? L’autunno, naturalmente! Proprio così: da ottobre inizia il ciclo più florido per pescare queste bontà; scopriamone qualcosa in più!

La vongola verace, tra curiosità e proprietà

Iniziamo dalla vongola verace, mollusco molto usato in cucina grazie al suo gusto particolare che si abbina a molti piatti. Una curiosità? In tutto il mondo ci sono ben 400 specie differenti di vongole; di queste, una trentina sono nel Mediterraneo.

Contengono pochi lipidi e carboidrati, ma hanno una buona quantità di proteine ad alto valore biologico. Le calorie sono basse (72 Kcal per 100 gr di parte edibile), ma occhio a non consumarne eccessivamente: le vongole sono infatti un alimento potenzialmente allergizzante e, essendo molluschi bivalvi che filtrano acqua di mare, possono essere veicolo di batteri e virus dannosi per l’uomo.

Quali accorgimenti adottare allora? Innanzitutto il consiglio è di acquistare solo prodotti sicuri, la cui salubrità è attestata dalle informazioni contenute sul cartellino di vendita (tracciabilità con tanto di marchio di garanzia di sicurezza). È sempre bene consumarle ben cotte perché la cottura abbatte l’eventuale presenza di batteri. Conservarle sempre in frigo e per poche ore, se possibile nella stessa acqua di mare oppure in acqua demineralizzata e addizionata in cloruro di sodio. E scartare sempre le vongole crude aperte poiché potrebbero essere già morte e quindi avere una carica batterica molto elevata.

Le mazzancolle, il gambero imperiale dell’Adriatico

La mazzancolla è conosciuta anche con il nome di gambero imperiale – anche se il termine mazzancolla abbraccia diverse specie. Autoctona del Mediterraneo, in particolare dell’Adriatico, è un crostaceo buonissimo e molto usato in diverse ricette.

Veniamo alle sue proprietà! Come nel caso delle vongole, le mazzancolle possono essere potenzialmente allergizzanti, contengono una certa dose di colesterolo – sì, anche se sono così piccole –, ma c’è del positivo: sono poco caloriche, ma ricche di ferro, calcio, vitamina A e C.

Insomma, due squisitezze, dono del nostro mare!

A noi, solo a parlarne, è venuta una gran voglia di correre in cucina a inventarci un piatto che possa esaltare il loro profumo e il loro sapore. E a te?