MISE EN PLACE IMPECCABILE: I 3 ERRORI DA NON FARE!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on skype

Diceva Cicerone: “Il piacere dei banchetti non si deve misurare dalle squisitezze delle portate, ma dalla compagnia degli amici e dai loro discorsi.” E da un’impeccabile mise en place, aggiungiamo noi! Non ce ne voglia il grande filosofo e oratore romano, ma pure l’occhio vuole la sua parte, anche quando si parla di apparecchiatura dei tavoli. Ecco allora i tre errori che non devi commettere mai!

Tovaglie, centrotavola, bicchieri: ci vuole attenzione!

Quando si parla di mise en place si tende a pensare alle grandi tavolate principesche, alle cene di gala, ai matrimoni da sogno. Sbagliato! Perché anche l’apparecchiatura di una semplice trattoria ha bisogno di essere curata e soprattutto di essere coerente con l’ambiente in cui si trova e con la clientela che andrà ad accogliere. Nulla, quindi, di particolarmente pomposo, ma scelte stilistiche che dovrebbero accompagnare l’intera esperienza dell’ospite all’interno del tuo locale. Quali sono allora le 3 cose da evitare assolutamente?

1: Tovaglie macchiate, logore (occhio ai buchi nella trama), stirate male: bannate! Anche nel ristorante più semplice, intimo, familiare la tovaglia dev’essere splendente!

E se usi il tovagliato di carta? Beh, intanto chiediti se questa scelta è esattamente in linea con la tua immagine e se non puoi cercare di meglio – esistono tovaglie di stoffa di tantissime fantasie oppure simpatiche alternative, sicur* che non ce ne sia una che faccia al caso tuo? 😀.

Se però quella della carta dovesse risultare la scelta migliore per il tuo ristorante, allora controlla che sia intatta, non spiegazzata, che non faccia un odore sgradevole, e che sia abbastanza resistente!

2: No a centrotavola, candele e tutto ciò possa “riempire” eccessivamente la tavola. La parola d’ordine dev’essere comodità, quindi evita ogni cosa possa essere d’intralcio, occupare troppo spazio, cadere mentre stai servendo, disturbare la vista tra un commensale e l’altro, e via dicendo.

3: Bicchieri macchiati e posizionati a testa in giù: aiuto! Proprio così: i bicchieri con aloni di calcare, o peggio ancora, con macchie residue di rossetto (sì, purtroppo accade anche questo!) sono tra i peggiori biglietti da visita che tu possa dare del tuo locale. Quindi controlla che siano immacolati, uno per uno. Se ti è possibile, verifica la loro pulizia non solo quando li conservi dopo averli lavati, ma anche quando li disponi a tavola: una controllatina in più non fa di certo male e ti farà stare più seren*. E per il loro posizionamento? Mai metterli girati verso il basso, anche nella trattoria più semplice!

Il nostro consiglio è di prestare la stessa attenzione che metti ai tuoi piatti a tutto il contesto, compresa la tavola, e di chiederti sempre se tu, da cliente, andresti a mangiare nel tuo ristorante. Se la risposta è no, c’è qualcosa che non va. Se la risposta è sì, bene, sei a buon punto, ma ricorda che puoi sempre migliorare!